Sanremo 2021: cronaca semiseria

.. e semiaddormentata!

5 giorni di Sanremo: l’ho visto come quando ti invitano al ristorante stellato e hai l’aspettativa di Mangiar bene… cioè di trovare buona musica “nel piatto”. Quest’anno parecchie mosche e camerieri antipatici. Una stella su tripadvisor, non di più…. Porzioni sgelate male, cito (testualmente) la mamma ultranovantenne di una mia amica che ha sintetizzato il mio pensiero per parecchi brani & interpreti…. “I fa’ scapà giò i culzétt, i sarà minga canzùn?!”. (fanno cadere le calze, non saranno mica canzoni??) 😁 Ci sono stati piatti riusciti, altri meno. Peccato la durata: degna del matrimonio di mio cugggino in Basilicata senza la gioia tipica che si respira ai matrimoni dei cugggini del Sud…!

  • Mia personale top 3: Ermal Meta, Colapesce&Dimartino, Max Gazzè. Seguiti da un 4 pari merito di Stato Sociale, Extraliscio, Oriettissima. Gli intonati tutti dietro (pochi)
  • Premio per il miglior testo: Arnica (Giò Evan) e Mai dire mai (Willie Peyote)
  • Caruso cantato da Ermal Meta e Amandoti in versione Manuel-skin
  • Il Festival della rinascita? Ci hanno provato. Onore al tentativo. Almeno quei pochi che gravitano attorno ai cantanti in gara e alla kermesse hanno “ricominciato” a veder pecunia, almeno questa settimana.
  • I cantanti old-style… leggi Loredana Bertè, Ornella Vanoni, Umberto Tozzi, Laura Pausini, il Volo. Orietta stessa. Chapeau….sanno cantare!!!
  • Matilda de Angelis ed Elodie. La Botteri. Grandi donne.
  • Ibrahimovic… dalla parodia di se stesso, al discorso finale sul fatto di “solo chi non fa, non sbaglia… ma bisogna sapersi rialzare” mi è piaciuto. Incluso il motociclista che gli ha dato un passaggio!
  • Alessia Bonari, infermiera-simbolo… che con uno stipendio da… “infermiera” ha donato il compenso sanremese per le cure palliative dei malati terminali. Esempio immenso.
  • L’entusiasmo del rock dei Måneskin, pur non nella loro miglior canzone…

Poi ci sono gli scivoloni. Tanti, troppi.

  • La “qualità” di “cantanti” in gara. Piatti irranciditi… Metà non avrebbero superato le selezioni dello Zecchino d’Oro… Neanche al Karaoke…
  • Il numero esorbitante di “cantanti”… Indigestione! Se ne avessimo lasciati a casa almeno 7 o 8 .. si finiva prima, e i nostri timpani avrebbero gradito. Nomi? Bugo – magari è un grande autore, ma forse forse aveva ragione Morgan… inascoltabile! – Aiello, Ghemon, Random… (Chi??? appunto!!!)
  • Blasfemia: qui non transigo. La corona di spine è un simbolo: scherza coi fanti ma lascia stare i santi. Provate a farlo in un altro Paese, eh? C’è stata una grandissima mancanza di rispetto. PS: mi avrebbe schifata altrettanto profondamente se un simile sfregio fosse stato diretto verso un’altra religione.
  • Vilipendio alla bandiera. Sarà che il mio bisnonno ci è morto…
  • Stefano d’Orazio: visto il livello medio di chi ha calcato il palco, rendere omaggio a chi ha reso grande e bella la musica italiana sarebbe stato doveroso. Scivolone di cui ho appreso oggi sui social: aver tagliato l’omaggio a d’Orazio, in un Sanremo in cui c’è stato posto per tutto. Occasione persa, e qualcosa di più…
  • Achille Lauro? Condivisibilissimi i suoi messaggi, spesso vissuti sulla sua pelle, scaturiti da dolori e ferite, ma troppo spesso trasgressivo, fin troppo sopra le righe! Il troppo stroppia… ? Come le battute fuori luogo del maître,… che non vedi l’ora che se ne vada.
  • Il maschilismo. Sempre uomini a far “le primedonne”… e le donne “a contorno”? Anche se da sole ne surclassano due (leggi Matilda de Angelis?) Il tutto alla vigilia dell’8 Marzo. Un ristorante dove chef, direttore, maître sono tutti e soli uomini.
  • Le donne che vorrebbero far le splendide e ottengono l’effetto opposto (Palombella?)
  • La direttora… d’orchestra (chapeau perchè se è arrivata lì, dev’essere in gamba il doppio di Lorin Maazel); ma, sorry, le parole pesano: quando mi chiamano -pochi -“ingegnerA”…. a me piace!!!
  • La durata delle serate… eccessiva (vedi voce numero dei “cantanti”), il giorno dopo, chi ne ha ancora la fortuna, si va a lavorare…
  • La Ferragni… Nessuno vieta di usare “i propri mezzi” per aiutare l’amato consorte, ma per una regina di stile, è un mezzo scivolone… Ok, non ci si poteva mica aspettare che pubblicasse “Vota Ermal”… ma mettere contenuti e poi cancellarli, .. mah! Inelegante. (io sarei andata in piazza col megafono… lo so, ognuno usa i mezzi di cui dispone… ) ma qui è stata un po’ come un cameriere in canotta e bermuda.
  • Le parolacce… sdoganate?… troppo. Farebbe parte del pacchetto-rispetto evitarle. Come se il cameriere al ristorante arrivasse …”Ehi, stronzo, cosa c***o vuoi di secondo?”

Avrei un milione di cose da dire… ma non dico più niente ❤ (cit. Ermal Meta)

Aspettiamo #Sanremo2022

Il festival è finito. Possiamo dormire in pace.

Pubblicato da stefypedra73

Effervescente, eclettica, multitasking.. un concentrato di energia e di gioia, sorrisi come arma ... imprevedibile e curiosa. Amo leggere, viaggiare, cantare, suonare, il teatro, l'arte e ... sono mamma, e lavoro come IngegnerA (e Giornalista)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: